SEO, i fattori esterni che influenzano il posizionamento.

Condividi il post!

Sono numerosi fattori che influenzano il posizionamento di una pagina web sui motori di ricerca, questi si dividono in fattori on-pageoff-page. In questo post ci concentreremo soltanto sui fattori esterni, quelli non dipendenti dal contenuto della pagina e non completamente controllabili in fase di costruzione del sito. Cerchiamo di fare un pò di chiarezza!

Il primo e più importante di questi fattori é senz’altro il link esterno in entrata o backlink che normalmente determina il Page Rank. Come tutti noi sappiamo, é fondamentale il numero di collegamenti diretti alle nostre pagine, definibile come una forma di popolarità del sito stesso, ma é determinante in particolare la qualità e dunque la provenienza dei link stessi. Per un ristorante é più importante la recensione di dieci clienti consumatori o il parere competente di un critico affermato? Un parere competente offre maggiori garanzie sulla bontà della cucina e la sulla scelta dei vini?

In realtà, un link di qualità certificata offre maggiori garanzie sui contenuti che consiglia, li rende affidabili agli occhi “innocenti” del motore di ricerca. Un link di qualità é normalmente un link che proviene da un sito con un buon Page Rank di base, diretto ad una pagina che pubblica argomenti con forte attinenza con la pagina di partenza.

Un link da respingere é invece quello proveniente da siti di dubbia fama o con scarsa attinenza con i nostri contenuti, ancor peggio da siti off limits come “link farm” etc. Ricordiamo di selezionare al massimo, dove possibile, l’origine dei backlink rivolti al nostro sito che produrranno un decisivo incremento del traffico in entrata, sia dai siti che producono i links che dai motori di ricerca che approvano.

E’ molto importante inoltre che i backlink vengano accumulati in un lasso di tempo verosimile e non nel giro di poche settimane o addirittura nell’arco della stessa giornata. In caso contrario, l’algoritmo del motore di ricerca potrebbe entrare in allerta e giudicare sospetto l’accumulo repentino dei link.

Altro fattore che concorre al buon posizionamento della pagina é dato dal dominio di provenienza del link in ingresso. Normalmente i domini con estersione .gov, .edu e .org, ad esempio, offrono secondo gli algoritmi dei motori un vantaggio perchè in apparenza più affidabili. Al contrario, i domini .com, .info etc. non offrono questo vantaggio, pur non creando nessuna penalizzazione a chi li riceve.

L’età anagrafica del backlink e del dominio che lo produce é certamente importante perchè trasmette fiducia e certifica la durata nel tempo dello link stesso confermando la regola che ne presume maggiore affidabilità. L’età del link, ad occhi più critici, potrebbe essere vista come portatrice di contenuti vecchi o sorpassati, la cosa non é sempre vera perchè i contenuti si aggiornano continuamente. Non é giusta dunque neanche la logica contraria per cui un link giovane non produce risultati affidabili solo in quanto giovane, un ottimo esempio é portato dai tantissimi blog presenti in rete che producono ogni giorno contenuti freschi di grande qualità e competenza.

Il link di ritorno proveniente da una delle tante directory web, soprattutto quelle specializzate, gode di grande autorevolezza presso i motori di ricerca, le directory hanno la patente di certificare alcuni siti come affidabili e scartarne altri come inaffidabili o comunque poco rilevanti in generale.

Parliamo ora dei fattori esterni insiti nel sito stesso che possono influenzare positivamente il posizionamento di una pagina web, cioè nulla a che vedere con link di ritorno o altre azioni dall’esterno.

Il primo fattore importante é l’età anagrafica del sito, o meglio quella di registrazione del dominio a cui fa capo. Possiamo certamente affermare che un sito consolidato negli anni ha minori fluttuazioni di indicizzazione ed un posizionamento più stabile di altri più recenti. In tutta onestà, esistono tantissimi siti di vecchia pubblicazione con contenuti di valore assai modesto e siti più recenti estremamente interessanti e dotati di contenuti di grande qualità.

Le prestazioni, intese come tempo di caricamento delle pagine, sono uno dei fattori più importanti che determinano il posizionamento di un sito. Ottimizzare le prestazioni di un sito é uno dei primi passi per renderlo appetibile ai motori di ricerca. E’ buona abitudine monitorare il sito prima di metterlo online ma anche durante la vita del sito stesso, potrebbe capitare infatti che il server che ci ospita si trovi in una situazione di sovra popolamento non riuscendo a fornire a tutti le risorse promesse. In questo caso potremmo porre rimedio prima che la cosa diventi difficilmente risolvibile.

Un problema a cui trovare immediata soluzione é quello dei link non funzionanti. Al di la del giudizio di un visitatore della pagina che si trova davanti ad una pagina di errore 404 e declina l’invito ad approfondire la visita, la cosa assume grande importanza soprattutto dal punto di vista dello spider del motore di ricerca che tende a svalutare un sito con molti link non funzionanti, addirittura in molti casi a cancellarlo dagli indici creando un danno notevole. La causa più frequente, quella che normalmente ingenera il problema, é il cambiamento dell’ URL della pagina su cui sono diretti i link di ritorno senza avere l’accortezza di informare i siti da cui provengono per richiedere una correzione. Il risultato é che quei link che portavano vantaggio al nostro sito, di punto in bianco si trasformano in link contro producenti e dannosi.

Le situazioni sono molteplici e non sempre facili da gestire, sta a noi capire l’importanza di ciascuno di questi fattori e correggerli sulla base delle nostre specifiche esigenze.

Buone vacanze e buon lavoro a tutti!

Condividi il post!

Lascia un commento

*

code