Email Marketing, sistema economico ed efficace, ecco cosa c’é da sapere!

Condividi il post!

Non c’è nulla di meglio che comunicare in modo diretto, economico ed efficace con persone che ti hanno chiesto espressamente di farlo, almeno si spera, inviando loro email ed info commerciali! Veramente un bel privilegio tenendo conto che questo avviene raramente nella pratica del marketing convenzionale. Nonostante questa incoraggiante introduzione, l’email marketing non è sempre facile da mettere in pratica in modo adeguato. Capita troppo spesso di inviare un certo numero di email promozionali agli iscritti della nostra newsletter e notare che il tasso di apertura o la risposta commerciale è veramente molto bassa o addirittura inesistente. Stiamo sbagliando qualcosa? Utilizziamo uno stile poco efficace o contenuti non adatti? Vediamo qualche “consiglio utile” per cercare di migliorare il processo di comunicazione e rendere più produttiva la nostra campagna di Email Marketing.

Usare un oggetto (subject) breve e chiaro per favorire un maggiore tasso di apertura della email. Da uno studio condotto da Retention Science su 260 milioni di email inviate in 540 campagne, si evidenzia come l’oggetto (subject) ideale per una email di marketing debba avere una lunghezza ottimale di circa 6-10 parole e che normalmente la media sia decisamente più elevata, di 11-15 parole. Gli studi non fanno scuola ma aiutano a capire i grandi numeri.

Attenzione all’uso delle parole giuste nel testo della email. Esistono ancora parecchi filtri anti spam in grado di fermare le nostre email prima che giungano a destinazione. Evitiamo parole come GratisGratuito, Affare o qualsiasi altra parola possa suonare come ingannevole o utilizzabile per proporre merci o servizi non richiesti. In ogni caso è sempre bene non usare punteggiature particolari come punti esclamativi in quantità superiore al normale o lettere maiuscole ripetute, grassetti o sottolineati, comunque nulla che enfatizzi in modo innaturale il messaggio stesso della email. Evitare sempre i simboli legati alla valuta come £, € o $.

Se e quando possiamo, é utile porre il nome proprio del destinatario della email nell’oggetto e nel testo. Il senso di fiducia aumenterà di sicuro ed il tasso di apertura crescerà di conseguenza. Sempre secondo lo studio condotto da Retention Science, il tasso di apertura crescerebbe addirittura dal 15,7% al 18,3%. Non male!

Scrivere Email brevi che vadano subito al punto con sintesi e chiarezza. Sappiamo che non é sempre facile da mettere in pratica ma sforziamoci al massimo per concentrare il contenuto nel minor numero possibile di parole. Il testo breve risulta spesso più incisivo e meglio comprensibile da chi utilizza dispositivi mobili come smartphone e tablet per la lettura delle email.

E’ particolarmente importante dare al destinatario la sensazione di avere a che fare con una persona reale che parla con un linguaggio vero, che suona umano e naturale. Mi spiego meglio. Le comunicazioni fredde, prive di emozioni, che riportano ad un link esterno o descrivono un prodotto o un servizio in modo distaccato e innaturale hanno certamente minor presa su chi le legge perché non producono nessun tipo di risposta emotiva che possa portare ad una mossa successiva come ad esempio una risposta.

Utilizzare una forma di comunicazione empatica, per quanto possibile, cercando di calarsi nella realtà del nostro interlocutore. So bene che la cosa sembra complicarsi irrimediabilmente, in realtà basta veramente poco. Muoversi con attenzione e qualche accorgimento saranno sufficienti per esprimere disponibilità e predisposizione nei confronti del destinatario della nostra email. Cerchiamo sempre un linguaggio diretto ma rispettoso della persona, dare del tu é quasi sempre la soluzione ideale. Evitiamo sempre le frasi dimesse o servili come gli atteggiamenti arroganti e saccenti che generalmente producono effetti indesiderati e controproducenti. Cerchiamo di utilizzare i sentimenti più profondi e le leve emotive più adatte al tipo di contenuto che vogliamo trasferire, il senso materno o paterno, i sentimenti di amicizia e d’amore, i valori dello sport, il senso di libertà etc. Meglio sempre evitare concetti legati alla religione o politica, non si sa mai dove potrebbero portare.

Per tornare sul pratico, un buon modo per comunicare è da sempre un’immagine curata ed espressiva. L’immagine ha il compito di esprimere al meglio il contenuto di testo che segue. Il realismo, in alcuni casi, è accettabile e spesso rende meglio che una foto apparentemente slegata dal contesto. Ci sono situazioni in cui l’immagine ha il compito di rappresentare un brand, un prodotto o un servizio, in quel caso è fondamentale che sia realizzata da un professionista, meglio se appositamente per l’occasione.

Sembra quasi inutile ricordare che nell’Email Marketing, come in tutti gli altri settori del Web Marketing, esistono delle regole etiche e norme da rispettare, sancite anche dal codice, che pongono dei limiti all’invio sconsiderato di email private o commerciali. Soltanto per la cronaca ricordo a tutti i lettori che è considerato Spam qualsiasi invio di email non preceduto da chiara autorizzazione da parte del destinatario, sia esso privato che aziendale. Nonostante questi vincoli, ogni giorno tutti noi riceviamo decine di email non richieste che ci invitano a visitare pagine web, approfondire argomenti o semplicemente acquistare qualcosa. Il mio consiglio, anche questo non richiesto, è quello di agire come il mittente pensando come il destinatario!

In ogni caso, se le nostre email non godono della giusta attenzione, almeno quella che noi pensiamo di meritare, non disperiamo e non smettiamo mai di sperimentare nuovi metodi e soluzioni alternative. Proviamo per un attimo a sovvertire le regole e percorrere strade nuove per ottenere il medesimo risultato. Questo non vuol dire che vale tutto ed il contrario di tutto ma piuttosto che in un panorama così frammentato e complesso potrebbe talvolta sfuggirci qualcosa di importante e che forse vale la pena provare soluzioni innovative e creative che possano comunque condurci ai nostri obiettivi.

Condividi il post!

Lascia un commento

*

code